27 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > News

...e quindi?

29-09-2020 23:22 - News
Era la sua domanda finale che ti lasciava sempre un po’ perplesso, ma era il modo per farti scoprire la scherma, per farti ragionare, per liberare il tuo estro e per dare sfogo alla tua iniziativa. La sua scherma non te la insegnava, ma riusciva a trasmetterla in un modo che ancor oggi stento a capire. Era diventato un “filosofo” della scherma, con i suoi principi dettati da quella sua saggezza frutto di una grande esperienza e di quella visione unica della scherma. Principi che hanno gettato le basi della scherma moderna. Niente era scontato e l’imprevedibile era per lui una regola.

Una delle chiavi del successo del M° Antonio è stata la sua disponibilità ad ascoltare tutti; anche quando era più logico che “tutti” ascoltassero lui. La fama e la notorietà di tanti anni ai vertici mondiali non l’hanno assolutamente cambiato e forse questo dava addirittura fastidio ad alcuni che avrebbero voluto idolatralo nel Olimpo della Scherma per renderlo intoccabile. Lui non aveva bisogno di parlare e forse per questo Dio gli ha tolto quasi del tutto la facoltà di parlare. Per il M° Antonio non è stato un gran problema perché la sua lezione, già da molto tempo prima, era “senza parole”: lui dialogava con l’allievo con la sua gestualità, ma soprattutto con i fioretti che impugnava nelle mani. Chi ha avuto lezioni dal M° Antonio sa che cosa intendo dire: eri tu che poi ti rendevi conto di ciò che stavi sbagliando, mentre quel maestro ti stava insegnando a scoprire la scherma e ad amarla.

Il carisma è come il talento: devi averlo innato e il M.o Antonio ne possedeva davvero tanto. La sua presenza si percepiva e durante le gare non potevo fare a meno di osservarlo, seduto sul suo tre piedi che portava sempre con sé, con lo sguardo fisso sul assalto. Non era sua abitudine gridare, gesticolare o comunque dare consigli durante l’assalto. Aspettava che il suo allievo si girasse per guardarlo e bastava un cenno, una parola... quella frase capace di ribaltare l’esito dell’assalto. Ad un regionale lo trovai dalla parte opposta della pedana; era la prima volta e provai una grande emozione; stava seguendo il suo allievo Gabriele Cimini, oggi atleta della nazionale di spada. Il mio allievo chiuse in vantaggio il primo parziale, ma l’assalto era molto incerto. Occorreva avere nervi saldi e mantenere un ritmo alto anche se Cimini aveva una maggiore esuberanza fisica oltre a possedere già una buona tecnica. Subiva gli attacchi del mio allievo, non riuscendo ad anticiparlo sulle linee alte. Vidi Antonio che, senza dire niente, si toccò la gamba e Cimini vinse l’assalto.

Quando tiravo, averlo a fondo pedana, faceva per me la differenza. Non tanto per i suggerimenti, perché non era propenso a darne, bensì riusciva ad esaltarmi e la sua presenza mi caricava e rendeva i miei attacchi incontenibili.

Quando smisi di praticare la scherma passò un lungo periodo in cui non lo vidi; un periodo durante il quale perse la moglie Elena e sua figlia Luciana. Lo ritrovai dopo circa quindici anni quando intrapresi il percorso magistrale. Il maestro Carlo Macchi, con cui collaboravo, organizzava degli incontri con i propri tecnici in cui invitava Antonio. Ero tornato da poco nel mondo della scherma e avevo trovato molte cose cambiate, ma Antonio, di cui avevo assimilato i principi schermistici, era sempre... Antonio perché riuscivo a comprendere le sue parole, le sue filosofie, il suo pensiero. La sua evoluzione tecnica ha sempre avuto una coerenza logica sulla quale ha basato il suo insegnamento. Ha sempre creduto nei suoi principi che nel tempo è stato capace di plasmare per renderli vincenti. Lui ha sempre sostenuto di non avere mai avuto talenti, ma è stato capace di creare campioni olimpici, riuscendo ad adattare la tecnica di ognuno alla indole e al carattere dell’atleta. Così facendo, ha reso naturale e spontaneo il gesto tecnico, come se avesse insegnato loro il modo di esprimersi mediante la scherma. I suoi campioni, quindi, non sono nati tutti dallo stesso modello prestazionale, bensì sono vere e proprie “opere d’arte” ognuna fine a sé stessa.

Impossibile imitarlo, Antonio va preso come esempio e merita la nostra eterna gratitudine per tutto quello che ci ha lasciato.



Fonte: Club Scherma Cambiano A.S.D.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa sul trattamento dei dati resa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 679/16
La presente informativa è resa a tutti gli utenti che navigano e utilizzano il sito “https://www.clubschermacambiano.it”.
La validità dell’informativa resa nella presente pagina è limitata al solo sito e non si estende alle pagine di altri domini web eventualmente consultabili mediante collegamento ipertestuale.
Il titolare del trattamento dei dati raccolti è il Club Scherma Cambiano, nella figura del Presidente, con sede in Empoli, via Achille Grandi n. 46 – 50053.

Tipologia di dati trattati.
Dati di navigazione.
I sistemi informatici e i software deputati al funzionamento del sito web acquisiscono, nel corso del loro normale funzionamento, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita con l’utilizzo dei protocolli di comunicazione di rete; tali informazioni non vengono raccolte per essere associate ad utenti ma, per loro stessa natura, se associate con altri dati in possesso di terzi possono consentire l’identificazione dell’utente. In particolare, rientrano in tale categoria di dati gli indirizzi IP, i nomi di dominio dei computer che si connettono al sito e più in generale, i parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Tali dati sono utilizzati al solo fine di ottenere informazioni statistiche in forma anonima sull’utilizzo del sito e/o verificarne il funzionamento e saranno cancellati dopo la loro elaborazione e, quindi, conservati per un periodo di tempo non superiore a quello necessario per gli scopi per i quali sono stati raccolti.
Si precisa, inoltre, che tali dati potrebbero essere utilizzati da parte dell’Autorità Giudiziaria per l’accertamento di eventuali reati informatici ai danni del sito e di suoi utenti.
Cookies.
Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del browser dell’utente per periodi di tempo variabili in funzione dell’esigenza. Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alla preferenze dell’utente e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggior facilità d’uso (i cookies possono essere usati, ad esempio, per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il pc dell’utente ed il sito del Club Scherma Cambiano per evidenziare novità o mantenere informazioni di login).
Si precisa che bloccando tutti i cookie, compresi quelli tecnici, senza prevedere una specifica eccezione per il sito, l’utente potrebbe non essere più in grado di navigarvi o di usufruire, in tutto o in parte delle sue funzionalità.
Dati forniti dall’utente.
L’invio volontario di posta elettronica all’indirizzo indicato sul sito nelle apposite sezioni a tale scopo predisposte comporta l’acquisizione dell’indirizzo di posta elettronica e del nominativo (nome e cognome) del mittente e di eventuali ulteriori informazioni dallo stesso volontariamente inserite nell’apposito campo, necessari per evadere le domande.

Base giuridica e finalità del trattamento.
Il Trattamento è fondato sul Suo consenso ed è finalizzato a consentire la fruizione del sito e dei servizi richiesti nonché alle analisi statistiche.
Modalità del trattamento
Il trattamento dei dati personali è realizzato, anche con l’ausilio di mezzi elettronici, per mezzo delle operazioni indicate all’art. 4 n. 2 del GDPR 679/16 e precisamente: il Trattamento dei dati personali potrà consistere nella raccolta, registrazione, organizzazione, consultazione, blocco, comunicazione, cancellazione e distruzione dei dati.
In ogni caso, il trattamento avverrà con logiche strettamente correlate alle finalità sopra esposte, in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati e, comunque, per la durata necessaria all’espletamento delle finalità predette e secondo i periodi di conservazioni indicate nelle tabelle sopra indicate.
Obbligatorietà del conferimento dei dati.
I cookie di questo sito sono installati da soggetti incaricati, che agiscono in qualità di autonomi titolari del trattamento. All’accesso al sito viene visualizzato un apposito banner che informa che sul sito sono utilizzati dei cookie e che, chiudendo il banner, si acconsente all’uso dei cookie. L’utente è libero di bloccare l’installazione dei cookie in qualsiasi momento, senza che la possibilità di visitare il sito e fruire dei suoi contenuti sia in qualsiasi modo compromessa.
Il conferimento dei dati personali nelle apposite sezioni predisposte è facoltativo, tuttavia l’eventuale rifiuto al conferimento comporterà l’impossibilità di evadere le domande.
Ambito di comunicazione dei dati
I dati raccolti verranno trattati esclusivamente da Responsabili od incaricati al trattamento e potranno essere comunicati ai soggetti incaricati ed autorizzati per le finalità strettamente legate all’attività connessa.
I dati personali non saranno oggetto di diffusione.
Diritti dell’interessato
In qualunque momento potrà conoscere i dati che La riguardano, sapere come sono stati acquisiti, verificare se sono esatti, completi, aggiornati e ben custoditi, ricevere i dati in formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, revocare il consenso eventualmente prestato nonché proporre reclamo al Garante per la Protezione dei Dati Personali. Tali diritti possono essere esercitati attraverso specifica istanza da indirizzare tramite raccomandata – o posta elettronica- al Titolare del Trattamento.
Il Titolare del Trattamento.
Club Scherma Cambiano, nella figura del Presidente
con sede in Empoli, via Achille Grandi n. 46 – 50053
staff@clubschermacambiano.it cs.cambiano@pec.it


torna indietro leggi Informativa sul trattamento dei dati resa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 679/16  obbligatorio